Approfondimenti

Super e Iper Ammortamenti

La legge di stabilità 2017, attualmente in corso di approvazione definitiva, oltre a prorogare i c.d. Super Ammortamenti su beni strumentali nuovi acquistati fino al 31.12.17 introduce la novità sui c.d. Iper Ammortamenti.

Super ammortamenti

Tale agevolazione consiste in una proroga della norma già in vigore nel 2016 che permette una maggiorazione del 40% del costo di acquisizione di un bene strumentale nuovo. Pertanto l’ammortamento di tale bene risulterà pari al 140%. La maggiore deduzione permette un maggior risparmio ai fini IRPEF o IRES.

Il bene deve essere nuovo e deve essere acquistato entro il 31.12.2017 ( ma che può arrivare anche fino al 30.06.2018 se entro il 31.12.2017 l’ordine relativo all’acquisto del bene viene accettato e viene pagato un acconto pari al 20% del costo di acquisto).

Possono beneficiare dell’agevolazione  i titolari di reddito d’impresa (imprenditori individuali e società) e i lavoratori autonomi (professionisti). L’agevolazione è utilizzabile anche dai soggetti inregime dei minimi mentre non è usufruibile da parte dei soggetti in regime forfettario.

Sono esclusi dall’agevolazione: i fabbricati e le costruzioni e i beni strumentali che hanno un coefficiente di ammortamento (D.M. 31/12/1988) inferiore al 6,5%.

E’ possibile godere dell’agevolazione  anche se il bene viene acquisito in Leasing con una maggiore deduzione che si riflette sulla quota capitale dei relativi canoni. Nessun bonus, è invece previsto, per acquisizione dei beni tramite Noleggio.

La predetta proroga non riguarda gli autoveicoli, pertanto l’agevolazione riguardante questi ultimi beni può essere ottenuta solo se l’acquisto viene eseguito entro il 31.12.16. I  veicoli e i mezzi di trasporto, che possono beneficiare della proroga,  sono solo quelli utilizzati esclusivamente come beni strumentali all’attività d’impresa.

Iper ammortamenti

Novità assoluta della Legge di Stabilità 2017 è l’introduzione a favore delle imprese che eseguono investimenti entro il 31.12.2017 (ma come già indicato può arrivare anche fino al 30.06.2018 se entro il 31.12.2017 l’ordine relativo all’acquisto del bene viene accettato e viene pagato un acconto pari al 20% del costo di acquisto), in beni materiali strumentali nuovi compresi in un particolare elenco, di una maggiorazione del costo di acquisizione del bene del 150%. Pertanto l’ammortamento di tali bene risulterà pari al 250% (100% + 150%).

I beni strumentali oggetto della nuova agevolazione sono elencati nell’Allegato A della predetta legge e sono beni finalizzati a favorire processi di trasformazione tecnologica e digitale secondo il Modello “Industria 4.0”.

Le imprese che, nel periodo indicato, eseguono acquisti anche in beni immateriali strumentali, compresi nell’Allegato B della predetta legge, potranno godere, ai fini dell’ammortamento fiscale, di un costo di acquisizione del bene è maggiorato del 40%. Pertanto, anche in questo caso, l’ammortamento di tali bene immateriali risulterà pari al 140% (100% + 40%).

Per la prima volta tale agevolazione è estesa anche ai Software (beni immateriali strumentali ) ma in questo caso per poter godere dell’agevolazione è necessario che l’impresa esegua un investimento anche sui Beni materiali strumentali presenti nell’Allegato A per cui potrà godere dell’ammortamento al 250%.

A tal fine il legale rappresentate dell’impresa deve attestare mediante una dichiarazione che il bene acquistato possiede le caratteristiche tecniche dei beni elencati nell’Allegato A/B e che il bene presenta il requisito dell’interconnessione  al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura. Per i beni che hanno un costo superiore ad € 500.000 vi deve essere necessariamente una perizia tecnica giurata che attesta le predette caratteristiche.

 

 

 


I più richiesti